Paragone lancia la bomba: “Malessere crescente tra senatori grillini”

Condividi!

“Per oggi mi basta questo, da qui a martedì la strada è lunga”. E’ la spiegazione del senatore Gianluigi Paragone in merito al suo post su Facebook nel quale scrive: ‘Secondo me potrei non essere più solo, nel gruppo Senato M5S, ad aver capito che il Conte 2 è una operazione contro i cittadini…’. Quante mani servono per contare chi potrebbe pensarla come lei nel gruppo M5S del Senato e quindi non votare la fiducia al governo? “E che ne so? Anche io faccio il giornalista e raccolgo gli umori e il malessere”.

Il malessere è crescente tra i senatori del M5S? “Penso proprio di sì”, risponde Paragone. Tanto da mettere a rischio la fiducia al governo Conte? “Questo non lo so, alla lunga però credo di sì. Io parlo di quello che so e penso che nel lungo periodo usciranno tutte le difficoltà, soprattutto dopo che verrà comunicata la lista con i sottosegretari e gli altri posti di governo. Lì si che si capirà il metodo…”.




3 pensieri su “Paragone lancia la bomba: “Malessere crescente tra senatori grillini””

  1. Il metodo e’ questo; un servizio segreto straniero fa agganciare a una o due collaboratrici esterne il figlio diciannovenne palestrato di Beppe Grillo. Sono due modelle bellissime, 20 anni, l’estate i soldi eccetera. Si finisce 4 bruti ubriachi contro una ragazzina inerme in casa di Beppe Grillo. E’ stupro, processualmente neanche Gesu Bamino li salva, a meno che Beppe Grillo non fa saltare il governo con la lega e si accorda col PD. E martedi ‘e’ la fiducia al Senato.

  2. Mi affascinano sempre i misteri alla Agatha o alla Sherlock, ma qua dal momento che l’accordo col pd lui l’ha fatto, non sarebbe dovuto trapelare il fattaccio. Mi sfugge qualcosa dunque…

Lascia un commento