Ufficiale: la mafia nigeriana metteva i nigeriani sui barconi grazie a PD e Ong

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
La Corte d’Assise di Agrigento ha condannato a 24 anni di carcere il nigeriano Gift Deji, accusato di associazione per delinquere finalizzata alla tratta di clandestini, sequestro di persona e violenza sessuale.

Boss Mafia Nigeriana: “Prego sbarchi dalla Libia non finiscano mai”

Deji avrebbe fatto parte di un’organizzazione criminale che organizzava i viaggi dei clandestini dalle coste libiche all’Italia e avrebbe gestito il ghetto in cui i clandestini venivano richiusi e torturati (pagavano per mettersi nelle mani degli scafisti della Mafia Nigeriana) prima della partenza per la Sicilia. Altri due componenti della banda qualche mese fa sono stati condannati in abbreviato all’ergastolo.

Insomma: la mafia nigeriana metteva i propri uomini sui barconi e li mandava in Italia. Ne ha inviati 100mila con il PD al governo. E questi sconsiderati indagano sui ‘fondi russi’.

Dal 2013 ne hanno scaricati in Italia quasi 100mila, quasi tutti arrivati sui barconi: è come se avessimo traghettato un esercito ostile in Italia.

Fino al 2013, anno in cui il Pd ha preso in mano il governo da solo, con un golpe di palazzo, i nigeriani non erano nemmeno tra le prime dieci nazionalità di ingresso. Poi il boom. In un crescendo che ne ha portati nel 2017 quasi 30 mila in un solo anno. Come se volessero accelerare questo trasferimento in vista dell’arrivo di un nuovo governo.

Ma nessuna procura si è mai sognata di indagare su questo.

Se fosse un processo, l’accusa evidenzierebbe il fatto che per favorirne la permanenza in Italia, dopo averli traghettati, la stessa parte politica aveva inventato una nuova figura di asilo, la ‘protezione umanitaria’, fatta su misura per i nigeriani: che non fuggendo da alcuna guerra, non avrebbero potuto essere accolti.

Accuserebbe poi il Pd di averlo fatto per rifornire le Coop del partito di clienti a spese dei contribuenti. Un accusa particolarmente brillante, potrebbe poi sostenere che lo strano aumento di nigeriani sui barconi, coinciso con l’inizio dell’operazione Mare Nostrum fortemente voluta dal Pd, non sia stata casuale: possibile che il Pd abbia svenduto la sicurezza dei cittadini ‘solo’ per arricchire le coop? O c’era dietro dell’altro?

Detto più chiaramente: qui abbiamo un’organizzazione criminale che vuole trasferire in Italia migliaia di propri soldati, dall’altra parte abbiamo un governo che organizza una sorta di servizio taxi dalla Libia all’Italia, a cui poi si unisce quello privato delle Ong, tutte dai finanziamenti opachi: qui prodest?

Fatto sta che, alla fine, l’esercito della mafia nigeriana è stato trasferito in Italia. Ragazzine sono state uccise. La droga circola a prezzi sempre più stracciati con una distribuzione capillare.

Qui abbiamo il movente. L’arma. E la vittima. Di tutto questo dobbiamo ringraziare il Pd.

Ma pare che nessun magistrato se ne interessi. Vogliono processare Salvini. Colui che, questo flusso di soldati della mafia nigeriana, l’ha bloccato:

Salvini ha azzerato gli sbarchi di nigeriani: 21 in 6 mesi

Ovviamente, il PD non ha avuto e non ha alcun rapporto con la mafia nigeriana. Quindi una bella commissione di inchiesta servirebbe a mettere a tacere chi dice che gli 80 mila nigeriani sbarcati in questi anni siano un do ut des con Benin City.




2 pensieri su “Ufficiale: la mafia nigeriana metteva i nigeriani sui barconi grazie a PD e Ong”

  1. Questi rapporti fra malavita e politica sono accessori alla nostra sostituzione. Sicuramente presenti ma come sempre solo un sintomo e non il reale problema.
    In più è ora di smetterla di starnazzare e non fare nulla. E questo vale per tutti.

  2. che i politici del PD nipote del PCI ha sempre avuto tra i suoi membri corruttori e mazzettari , delinquenti e terroristi ; non è ne cosa nuova ne cosa impossibile , basti vedere che negli ultimi anni le scuole Italiane sono diventate peggiori di quelle del terzo mondo . E quando uno è ignorante e indotrinato cosa può votare , e qui è logico che abbiano dato il biglietto d’ingresso alle mafie , Siciliane , Calabresi , Campane , Pugliesi , Magistratura , scuola ,industria e sindacati , e Nigeriane e altre nazioni che impongono le loro regole col terrore .

Lascia un commento