“Ora ti dico io cosa fare”: la toga rossa passava informazioni a Lucano

Condividi!

“Ora ti dico io cosa devi fare”: così il giudice aiutava Lucano. Il sindaco di Riace indagato per il suo sistema d’accoglienza, il magistrato gli dava consigli: “Non parlare al telefono”

“Ascoltami cazzo… non perdiamo tempo… nella cosa della prefettura non c’è niente che possa fare ipotizzare una concussione… io l’ho letta…”. A parlare al telefono con Mimmo Lucano è il magistrato Emilio Sirianni.

Il fatto incredibile è che questo magistrato non sia sotto inchiesta e non sia stato rimosso. E apre uno squarcio inquietante sul cancro rosso nella magistratura.

Emilio Sirianni, giudice della Corte d’appello di Catanzaro, segretario di Magistratura Democratica, beccato al telefono con Domenico Lucano, sindaco di Riace, a processo per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina: «Eh Mimmo, quello che faccio io non sono in molti disposti a farlo, perché teoricamente è anche giusto che un magistrato non deve avere rapporti con gli indagati».

Solo in teoria, eh.

Toga rossa allertava Lucano: segretario Magistratura Democratica

L’inchiesta-stralcio per favoreggiamento a carico di Sirianni, aperta e condotta in gran segreto dalla Procura di Locri, si è conclusa con la richiesta di archiviazione perché non c’è prova che Sirianni abbia aiutato Lucano a inquinare le prove. A noi sembra il contrario, ma si sa, per i magistrati ci sono regole a parte.

VERIFICA LA NOTIZIA

Al Csm hanno appreso di quanto accaduto tra il giudice democratico e il sindaco-icona dalle notizie di stampa; così pure è accaduto in via Arenula, negli uffici del ministro della Giustizia Alfonso Bonafede. Il ministro, titolare dell’azione disciplinare, fa sapere di avere la pratica Sirianni allo studio in queste ore. Al Csm, più rapidamente, si sta mettendo in moto la macchina che punta a stabilire se Sirianni possa continuare a fare il giudice a Catanzaro, a contatto ravvicinato con l’amico Lucano, inquisito e rinviato a giudizio per associazione a delinquere finalizzata alla truffa allo Stato e all’immigrazione clandestina.

Toghe rosse allertavano Lucano: è eversione contro l’Italia

La vicenda da ieri è sul tavolo della Prima commissione del Csm, che si occupa dei trasferimenti per «incompatibilità ambientale e funzionale» dei magistrati che «non possono amministrare giustizia nelle condizioni richieste dal prestigio dell’ordine giudiziario». La commissione, presieduta dal «laico» Alessio Lanzi, ha chiesto formalmente al Comitato di presidenza del Csm l’apertura di una pratica su Sirianni. È un primo passo, ma la rapidità con cui è stato compiuto racconta bene lo sconcerto con cui in seno al Consiglio superiore si è appreso dei comportamenti attribuiti dalla Procura di Locri al giudice calabrese. Il quale da parte sua ieri, dopo avere premesso di «non sapere se ci sia stata una indagine nei miei confronti, non ho mai avuto notizia formale», rivendica nuovamente l’amicizia con Lucano, «una delle persone migliori che abbia mai conosciuto». Ma non spiega perché, telefonando al sindaco, esordisse con un «buongiorno maresciallo»: «Quasi a manifestare – scrive la Procura di Locri – la consapevolezza di essere intercettato».




Lascia un commento