L’orso ribelle fugge ancora: M49 vuole essere libero

Condividi!

Appena catturato su ordinanza della Provincia di Trento, l’orso M49 – che noi simpaticamente chiamiamo Matteo – è nuovamente latitante.

Lo avevano preso in val Rendena, ma appena trasferito al Centro Casteller, il plantigrado ha scavalcato un muro elettrificato a 7mila volt e alto 4.5 metri ed è fuggito senza il radiocollare che serviva a tracciarlo. O lui è troppo intelligente, o chi lo controllava è evidentemente un idiota.

L’orso è ritenuto pericoloso. Il governatore del Trentino Fugatti: “I forestali hanno autorizzazione ad abbatterlo se si avvicina alle case”. Ma sull’abbattimento è arrivato lo stop del ministro Costa.

No ai muri per gli orsi, si a quelli per gli immigrati.

Ps. Per quanto ci stia simpatico M49, è evidente che se mette in pericolo degli essere umani possa essere abbattuto. Forse il ministro grillino pensa che gli orsi siano quelli dei cartoni. C’è un’alternativa: portare M49 a Lampedusa. Farebbe un lavoro migliore dei finanzieri.




Un pensiero su “L’orso ribelle fugge ancora: M49 vuole essere libero”

Lascia un commento