Patronaggio ‘libera’ Carola: chiede solo ‘divieto di dimora’

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Verrà interrogata oggi pomeriggio, alle 15.30 al Tribunale di Agrigento, Carola Rackete, la comandante folle della nave pirata Sea watch arrestata nella notte tra venerdì e sabato dalla Guardia di Finanza dopo avere disatteso l’alt per l’ingresso al porto e speronato una motovedetta della GdF.

Il giudice per le indagini preliminari di Agrigento, Alessandra Vella, ha fissato l’interrogatorio nella tarda serata di ieri, subito dopo aver ricevuto la richiesta di convalida dell’arresto da parte della Procura guidata da Luigi Patronaggio.

Ma, ancora una volta, Patronaggio ‘salva’ i trafficanti umanitari. La Procura infatti ha chiesto la convalida di arresto congiuntamente alla richiesta della misura cautelare del divieto di dimora in provincia di Agrigento.

Questa ha speronato una nave militare e, in attesa del processo, l’accusa ne chiede solo ‘il divieto di dimora’.

Vedremo se il Gip andrà oltre.




Un pensiero su “Patronaggio ‘libera’ Carola: chiede solo ‘divieto di dimora’”

Lascia un commento