Profugo: “Sono in Italia per tagliarvi la gola”

Condividi!

Cosa vengono a fare i richiedenti asilo musulmani in Italia?

Ad esempio, un 29enne iracheno ospite di un centro profughi di Crotone, un paio di anni fa venne arrestato perché in quella struttura faceva proselitismo tra gli altri profughi musulmani istigandoli ad arruolarsi tra le file dello Stato islamico.

Dopo la strage islamica di Salman Abedi davanti alla Manchester Arena aveva esultato per la morte degli ‘infedeli’.

Venne arrestato con l’accusa di “associazione con finalità di terrorismo internazionale e istigazione a delinquere”: lui, un profugo.

VERIFICA LA NOTIZIA

Il richiedente asilo iracheno istigava gli altri immigrati come lui ospiti a spese nostre dal Centro Sprar di Crotone, a giurare fedeltà al califfo Abu Balr al Baghdadi e a fare il jihad, la guerra santa, in nome di Allah e sotto le bandiere nere dell’Isis.

Secondo gli inquirenti era una “persona violenta e fortemente incline alle attività criminali”, stesse preparando “atti violenti con finalità terroristiche”.

Le indagini hanno, poi, permesso di captare una conversazione con la sorella durante la quale dice chiaramente che, nonostante qualcuno gli avesse chiesto di rientrare nel suo paese d’origine per prendere parte alla “guerra santa”, la sua condivisione ai principi del jihad, lo avrebbero spinto a rimanere in Italia per “redimere gli infedeli”, riferendo espressamente che “a queste persone (cioè a noi..) dovrebbe essere tagliata la gola”.

Ora, quanti terroristi islamici abbiamo ospitato in questi anni, a spese nostre? Quanti ne stiamo ospitando, ancora, tra gli oltre centomila che ancora resistono in hotel?




Un pensiero su “Profugo: “Sono in Italia per tagliarvi la gola””

  1. Alimentatevi con cura, allenatevi regolarmente, leggete molto. Se così vi piace iscrivetevi ad un circolo di tiro sportivo oppure ad una palestra di “arti marziali” (consiglierei la boxe, almeno vi mena gente che già conoscete e non rischiate troppo le vertebre se avete una età). Siate onesti ed educati ed aiutate il vostro prossimo, se è veramente il vostro prossimo.
    Cercate di recuperare anche gli irrecuperabili, spesso le perle si trovano nel letame.
    Abbandonate i social network e passate molto tempo all’aria aperta. Fatevi degli amici con le vostre stesse inclinazioni.
    Non dovrete temere nulla poichè sarete voi quelli temuti.

Lascia un commento