Milano, immigrato pesta a sangue ragazzo: vittima scelta a caso, era a caccia di italiani

Condividi!

Violenza l’altra sera a Milano. Un ragazzo italiano è stato brutalmente pestato da un immigrato che lo aveva preso di mira senza alcuna valida ragione: era a caccia di italiani.

Il fatto si è verificato intorno alle 21:30, quando la vittima ha incrociato il suo aggressore, un pregiudicato straniero, che senza motivo gli ha sferrato un pugno in pieno volto. A causa del violento colpo la vittima è caduta a terra, diventando così preda dell’immigrato. Che lo ha massacrato, accanendosi a colpi di calci e pugni.

VERIFICA LA NOTIZIA

Ad intervenire in aiuto dell’italiano, evitando così il massacro, un ispettore della polizia penitenziaria, che stava passando in auto con la figlia. Solo per questo il ragazzo è ancora vivo.

Eppure, neanche di fronte all’agente l’immigrato si è fermato, anzi. In preda ad una furia incontrollabile ha aggredito anche lui. Poi l’intervento dei carabinieri ha risolto la situazione, arrestando l’aggressore.

Nel corso delle pratiche di identificazione svolte in caserma sono emersi tutti i precedenti dello straniero, che soltanto lo scorso 24 maggio era stato arrestato dopo avere aggredito il vigilante di un centro commerciale durante un tentativo di furto.

Preoccupanti le condizioni del ragazzo. Il giovane, di soli 26 anni, ha riportato un grave trauma cranico, e si trova ancora Mricoverato al Policlinico di Milano.

Immigrato: “Ho sgozzato italiano perché aveva aria felice”




2 pensieri su “Milano, immigrato pesta a sangue ragazzo: vittima scelta a caso, era a caccia di italiani”

  1. Tentato furto e aggressione al vigilantes non sono bastati per tenerlo in galera in attesa dell’espulsione? Ma non c’e’ piu la carcerazione preventiva in Italia? Tortora e’ stato in carcere quasi un anno se non ricordo male, durante tangentopoli su e’ usata la carcerazione preventiva come forma di tortura, mo i negri vengono rilasciati a discrezione del giudice?

Lascia un commento