Lega boom a Lampedusa, parroco sconvolto: “Voto contro accoglienza”

Condividi!

Non si capacitano del trionfo della Lega. Il boom della Lega a Lampedusa e Linosa – il partito di Salvini ha raggiunto il 45 per cento dei consensi – sembra aver lasciato il segno nel cuoricino di chi voleva riaprire i porti.

VERIFICA LA NOTIZIA

Per il bizzarro sindaco delle Pelagie, Salvatore Martello, “è un risultato che non deve essere sottovalutato. Il primo dato sul quale porre l’attenzione, a mio parere è il record di astenuti, quasi il 74 per cento. Evidentemente – ha commentato – i lampedusani si sentono abbandonati dalle istituzioni e dal Governo”. Strano, che poi, chi è andato a votare abbia votato in massa per il governo!

Ma a fare discutere sono le parole di don Carmelo La Magra, parroco della parrocchia di San Gerlando di Lampedusa, che prima del voto aveva lanciato un appello anti-Salvini: “Il boom della Lega a Lampedusa? E’ un voto contro l’accoglienza. Ma l’accoglienza non danneggia la comunità locale. La gente ha, piuttosto, paura che una cattiva gestione del fenomeno la danneggi anche dal punto di vista lavorativo e turistico”.

Avete perso.




Un pensiero su “Lega boom a Lampedusa, parroco sconvolto: “Voto contro accoglienza””

Lascia un commento