Mirandola, ecco il marocchino che ha incendiato la caserma per vendetta – FOTO

Condividi!

Due morti, una 84enne costretta a letto e la sua badante ucraina di 74 anni, e 20 feriti, tra cui il marito della vittima e altre tre persone rimaste intossicate in maniera grave. E’ il drammatico bilancio dell’incendio appiccato nella notte alla sede della polizia locale di Mirandola, nel Modenese, con il fumo che ha invaso gli appartamenti ai piani superiori e ha sorpreso nel sonno i residenti. A causare il rogo il giovane clandestino nordafricano, fermato dai carabinieri mentre si allontanava.

Mirandola è città martire dell’immigrazione:

Islamici rifiutano ‘vicini’ cristiani, Pd costruisce cimitero islamico

I figli degli immigrati l’hanno trasformata in una sorta di inferno multietnico:

Denunciato consigliere Lega, ha violato privacy delinquenti

Nelle ultime settimane in Italia: 2 ragazzini rubano delle corriere e sfrecciano per la città alle 4 di notte e si schiantano contro una scuola, un guidatore di scuolabus sequestra e da fuoco alla corriera con 51 bambini sopra, un altro guida ubriaco e cappotta in una curva e scappa senza soccorrere i ragazzini feriti, un altro sgozza un ragazzo perchè è italiano e felice. Ora, uno da fuoco alla sede della Polizia e uccide 2 persone.

Sono reati incredibili che avevamo forse visto solo nelle serie televisive americane…prima dell’apertura indiscriminata delle frontiere a tutti.




2 pensieri su “Mirandola, ecco il marocchino che ha incendiato la caserma per vendetta – FOTO”

  1. E diciamolo una buona volta che stiamo importando gente con un quoziente intellettuale medio molto piu basso del nostro! E diciamolo che i figli dei figli dei figli di questi immigrati Africani avranno un quoziente intellettivo medio inferiore ai figli dei figli dei figli degli Italiani veri, perche’ l’intelligenza e’ genetica e si trasmette ai figli al pari del colore della pelle degli occhi della capacita’ del cranio della fronte alta eccetera. I neri sono diversamente intelligenti, tutti gli studi lo confermano.

Lascia un commento