Nigeriani in rivolta incendiano CPR per non farsi espellere

Condividi!

Violenza al Centro di Permanenza per il rimpatrio di Bari Palese. Gli ospiti hanno appiccato vari incendi e dato vita ad una violenta rivolta. Le forze dell’ordine hanno caricato.

VERIFICA LA NOTIZIA

Due carabinieri e un poliziotto sono rimasti feriti e trasportati al pronto soccorso dai soccorritori del 118. Purtroppo solo contusioni tra i migranti. Sul posto i Vigili del fuoco per domare le fiamme divampate nei moduli abitativi. L’incendio, di vaste proporzioni, ha reso necessario l’intervento dei rinforzi.

Sembrerebbe che in serata fosse previsto il rimpatrio di una decina di cittadini nigeriani. Questi si sarebbero fatti trovare nudi e cosparsi di sapone, che hanno buttato anche per terra, in modo da fare scivolare i militari impegnati nelle operazioni. Gli ospiti a quanto pare sarebbero stati anche armati di coltelli costruiti artigianalmente.

Questa è la mafia nigeriana. I clandestini devono essere rinchiusi in strutture come prigioni, meglio se gestite da militari e accanto a basi militari con annessi aeroporti.

Ps. In alto un precedente incendio sempre appiccato da clandestini.




Un pensiero su “Nigeriani in rivolta incendiano CPR per non farsi espellere”

  1. Campi di concentramento sorvegliati a vista da militari con obbligo di sparare interdetti alla magistratura. ed avvocati.Tutto attorno campi minati con mine antiuomo onde prevenire le cattive idee dei centri sociali pro PD.Filo spinato elettrificato e torrette con mitragliatrici.Uso intensivo di cani da attacco.In prossimità del campo aeroporto attrezzato per atterraggi di aerei tipo 380.

Lascia un commento