Inizia: 100mila finti profughi via da hotel accoglienza

Condividi!

Finalmente i violenti pagano le conseguenze delle loro azioni.

VERIFICA LA NOTIZIA

Hanno dovuto lasciare il Cara di Isola Capo Rizzuto, quello per anni gestito dalla ‘ndrangheta in complicità con la chiesa locale, 24 immigrati in possesso del permesso umanitario (quello inventato dal PD per foraggiare le coop) a seguito di un provvedimento emesso dalla Prefettura di Crotone in ottemperanza al Decreto Sicurezza.

Il figlio del Prete con agganci in Vaticano e il business dei finti profughi

Sono una parte dei 100mila finti profughi che, finalmente, dovranno lasciare gli hotel. E una volta scaduto il magico permessino umanitario, anche dall’Italia. Perché nigeriani e pakistani non sono profughi, sono parassiti che per anni abbiamo mantenuto a danno dei nostri pensionati e poveri.

Quattro di loro, tra cui una coppia con una bambina di cinque mesi, saranno ospitati a Crotone in una struttura della Croce rossa.

Gli immigrati, che avevano inscenato una protesta pacifica per non abbandonare il centro, sono stati poi fatti salire su un pullman che li ha condotti nella stazione ferroviaria di Crotone, dove hanno ricevuto assistenza da parte delle a$$ociazioni di volontariato.

I 24 migranti, secondo quanto stabilisce il Dl Salvini, pur avendo fino a scadenza permessino diritto a stare in Italia, non possono beneficiare del diritto all’accoglienza nel sistema Sprar e neppure restare nel sistema di prima accoglienza.

Secondo Pino De Lucia, responsabile immigrazione di Legacoop Calabria protesta.

La pacchia è finita.

Ci spiace solo una cosa: doveva essere retroattivo e andavano imbarcati direttamente su aerei verso casa.




2 pensieri su “Inizia: 100mila finti profughi via da hotel accoglienza”

  1. DOPO HOTEL DOVE CAZZO ANDRANNO A GIROVAGARE A MOLESTARE A DEFECARE PISCIARE X STRADA E CHI A RUBARE E CHI SEMPRE A SPACCIARE E ALLORA DOPO HOTEL VANNO RIMPATRIATI SENZA ASPETTARE CHE SCADA IL PERMESSINO DEL CAZZO..

Lascia un commento