Sindaco Foggia rade al suolo campo Rom: “Salvini venga a liberare Borgo Mezzanone”

Condividi!

Concluse le operazioni di sgombero dell’immobile ex Satel, di proprietà comunale, occupato abusivamente da numerose famiglie di etnia rom. Si tratta del proseguimento dell’Ordinanza con la quale il sindaco di Foggia, Franco Landella, dispose nei mesi scorsi di liberare la struttura.

“Abbiamo operato per l’affermazione del principio di legalità e del rispetto delle regole, che devono valere per tutti, senza alcuna distinzione – dichiara il sindaco di Foggia –. La conclusione delle operazioni di sgombero dell’immobile ex Satel è l’ultimo degli step che l’Amministrazione comunale concordò con il Prefetto di Foggia, Massimo Mariani, ed il Questore di Foggia, Mario Della Cioppa, a seguito dell’Ordinanza sindacale da cui scaturì il primo intervento operativo”. Le famiglie che occupavano abusivamente la struttura, attraverso il loro legale, avevano successivamente impugnato dinanzi al Tar il provvedimento firmato dal primo cittadino. In quella sede, tuttavia, furono le ragioni del Comune a prevalere.

VERIFICA LA NOTIZIA
“Sia pure in una condizione tutt’altro che facile, il Comune di Foggia conferma il suo impegno sul fronte della legalità – rileva l’assessore comunale con delega alla Sicurezza e alla Polizia Locale, Claudio Amorese –. In tutte le sue articolazioni, dalla Polizia Locale ai Servizi Sociali sino ai Lavori Pubblici ed al Servizio Patrimonio, l’Ente si è prodigato affinché questa pagina di degrado fosse cancellata. Siamo riusciti a farlo in modo brillante, con il determinante sostegno e la fondamentale collaborazione della Prefettura, della Questura e delle Forze dell’Ordine, che colgo l’occasione per ringraziare in modo sentito, perché questa sinergia è la conferma della bontà di un percorso di strettissima cooperazione”.

Every One, finanziato da Soros, protesta:

+ Sgombero campo rom di via Bari ☑️ Dossier inviato al Consiglio d'Europa e all'Unicef +DITECI LA VOSTRA

Posted by FoggiaToday on Thursday, November 15, 2018

Sono romeni, vadano in Romania. Ma quanto sono belle le ruspe?

Ps. In alto foto di un precedente ‘sgombero’.




Lascia un commento