La sinistra trova casa agli africani di don Biancalani

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
I maschi africani di don Biancalani, che passano le serate ad ubriacarsi e molestare i residenti, quando non devono spacciare droga, che da alcune settimane, dopo lo sgombero del centro gestito dal prete sono ospitati all’interno della chiesa di Vicofaro, saranno spostati a spese dei contribuenti toscani in nuova struttura che, su ordini della Regione Toscana guidata dalla sinistra, la Asl Toscana centro metterà a disposizione.

L’accordo è stato firmato dal presidente della Regione Enrico Rossi, dalla Asl, e da don Massimo Biancalani, parroco di Vicofaro. Rossi è un personaggio a cavallo tra la tragedia e la comicità.

La Asl individuerà un immobile idoneo, scegliendolo tra le sue proprietà non utilizzate a fini istituzionali.

Il Centro migranti si impegnerà – a parole – a corrispondere alla Asl un canone di affitto che verrà definito sulla base del progetto presentato: in sintesi non pagheranno nulla.

L’immobile, una volta individuato, verrà concesso per periodi rinnovabili e l’Asl, con congruo preavviso, si riserva di chiedere di rientrarne in possesso, ma ciò sarà subordinato alla preventiva ed idonea sistemazione degli ospiti in altra struttura.

Insomma, mantenuti a vita. A meno che a primavera i toscani non caccino la sinistra dalla Regione.

Questi non si fermano nemmeno davanti ai cadaveri delle ragazzine. Sono dei fanatici. Vanno politicamente eliminati.




Vox

Lascia un commento