Ue esige che Italia assuma Rom come Carabinieri

Condividi!

“Per l’ennesima volta la plenaria si trova a discutere fallimentari strategie di integrazione dei rom dimostrando di essere lontana anni luce dal mondo reale.

Dal 2011 ad oggi l’Europa ha stanziato 42 miliardi per la lotta alla povertà e l’integrazione dei rom senza nessun risultato”.

A parlare è Angelo Ciocca, europarlamentare delle Lega, che nella sua rubrica “Ciocca Inform@” per Affari Italiani attacca:

“Alcune proposte, approvate a ottobre, come l’assunzione di rom tra i membri delle forze di polizia e in amministrazioni pubbliche sembrano fantascienza. Il primo passo per l’integrazione, in un Paese civile, dovrebbe essere il rispetto delle regole. Ad oggi nel nostro Paese, dopo 8 anni di ‘Strategie europee’ pagate dai cittadini italiani, il numero di baraccopoli rom abusive è triplicato”.

“Questa UE parla di integrazione ma discrimina 5 milioni di poveri italiani che oltre a pagare le loro bollette devono provvedere anche a luce e acqua di chi non ha nessuna intenzione di integrarsi; vorrei ricordare al Presidente della Commissione Juncker che il Lussemburgo, suo Paese natale, è l’unico in Europa che dichiara di non avere rom e di attuare politiche per tenerli fuori dai confini”.




Lascia un commento