Cagliari, tagliati i fondi ai disabili: 100 milioni vanno ai profughi, scoppia rivolta

Condividi!

Mattinata di tensione a Pirri, municipio di Cagliari, città che ospita centinaia di profughi in hotel. Un centinaio di persone infuriate si sono presentate nel palazzetto della Municipalità per protestare contro i tagli dei fondi ai beneficiari della legge 20, quella sui disabili psichici. Alcune assistenti sociali, intimorite dalla furia della folla, si sono barricate negli uffici. Sul posto è intervenuta la polizia municipale. Solo verso le 13 è stata ristabilita la calma.

VERIFICA LA NOTIZIA

“Ci hanno spiegato che una persona non può percepire più di 500 euro complessivamente”, spiega Federica Delogu, “e così mia madre che percepiva 176 euro al mese ora ne prende 46. Ma come può curarsi con questi spiccioli. Oltretutto siccome nei mesi scorsi ha percepito 176 euro per compensare la somma che con la nuova legge non ha percepito indebitamente deve aspettare almeno tra due mesi 46 euro. Sono andata in via Sauro e lì mi hanno detto che dobbiamo lottare per i nostri diritti. Oggi ero tentata di salire sul tetto e protestare. Quello che stanno facendo lo devono sapere tutti”.

Intanto:

Pd continua a foraggiare i profughi: 100 milioni per ospitarne 3.500 a Cagliari




Lascia un commento