Cooperanti: “Africani mancano di pensiero logico”

Condividi!

Una coppia di viaggiatori europei, Thomas Lehn e Constanze Kühnel, torna in Germania dopo alcuni anni passati in Africa. L’impatto li sconvolge, per le differenze alle quali non erano più abituati.

Dopo quattro anni in Africa, qual è la più grande differenza?

Lehn: Che tutto funziona qui. Dopo il nostro atterraggio per esempio. E la pulizia: in Africa affoghi nella sporcizia. Per circa l’80% non ci sono servizi igienici. Qui, in Germania, è un altro mondo.

Lehn: Abbiamo parlato con più di 1000 persone, dai contadini poveri del Congo ai multimilionari in Sud Africa. La nostra conoscenza potrebbe essere un tesoro per il GIZ (Germania Society for International Cooperation) o organizzazioni simili. Ma loro non vogliono sentire.

A proposito di ‘piano marshall’ e stupidaggini simili
: Il modo ingenuo con cui i media europei trattano questo argomento è sorprendente per noi. Infiniti milioni di euro vengono buttati via senza senso, le persone potenti si fregano le mani lì e qui nessuno lo capisce. È divertente che i presidenti africani siano i più ricchi del mondo, ma i loro popoli sono poveri nella sporcizia. Questo ci rende arrabbiati e tristi.

Kühnel: Ne abbiamo discusso con africani ben istruiti. Uno di loro ci ha detto: “Basta con l’aiuto allo sviluppo, abbiamo bisogno di camminare attraverso la valle delle lacrime noi stessi per finalmente stare in piedi con le nostre gambe”.

Ci sono esempi?

Lehn: In un villaggio, gli addetti allo sviluppo hanno costruito un forno termico. Usa la radiazione solare ed evita alle donne dal dover eseguire la macinatura del miglio in comune. L’idea era che questo avrebbe dato alle donne del villaggio il tempo per altre cose. Liberando energie creative come accade in Europa. Ma non hanno nient’altro da fare, perché l’efficienza non è un fattore in Africa – macinare il miglio era l’evento sociale quotidiano, e questo è stato portato via da loro. Ad un certo punto il forno ha smesso di funzionare, nessuno se ne è occupato, sono tornati a vivere come avevano fatto prima del forno.

Kühnel: Il problema è che ci avviciniamo con il nostro modo di pensare europeo che è lontano anni luce dal modo di pensare africano.

Lehn: La scuola è solo un apprendimento meccanico con il risultato che la maggior parte degli africani non sviluppa alcun senso per il pensiero logico. Non hanno alcun interesse in esso. Non pianificano. Vivono per l’oggi. Sei spesso senza parole quando lo vedi, anche tra quelli con istruzione universitaria. Per questo motivo in Africa non esiste una classe media imprenditoriale e quindi non abbastanza posti di lavoro. Un altro esempio è il “Day zero” a Città del Capo, dove l’acqua potabile dovrebbe esaurirsi l’11 maggio. Tutti sperano nella pioggia, ma nessuno capisce che troppe persone vivono lì concentrate.

L’Africa sta soffrendo per la sua sovrappopolazione …

Lehn: Saranno 5 miliardi entro la fine di questo secolo. Il 60% ha già meno di 15 anni, ma non ci sono posti di lavoro o scuole per loro. Ciò significa che ogni progetto è sprecato, persino studi di fattibilità per impianti di desalinizzazione che consentono di recuperare l’acqua potabile. Ma non funzionerebbero mai perché le centrali elettriche sono marcite e l’alimentazione elettrica non esiste.

VERIFICA LA NOTIZIA

E l’Africa ha risorse ambientali incredibili. Se li trasferiamo qui, sarà l’inferno. Senza pensiero logico.




Lascia un commento