Macerata: albanesi con 1 tonnellata di droga

Condividi!

Avrebbero fruttato 5 milioni di euro sul mercato i 915 kg di droga contenuti in una trentina d’imballi caduti da un motoscafo d’altura trovato arenato il 29 giugno scorso alla foce del Chienti a Porto Recanati (Macerata).

I carabinieri del Reparto operativo di Macerata hanno bloccato quattro persone legate all’ingente traffico di stupefacenti provenienti dell’Albania, seguendo le tracce di chi acquistò a Senigallia le 28 taniche – trovate poi vicino alla barca – per la benzina per rimettere in moto l’imbarcazione rimasta senza carburante.

VERIFICA LA NOTIZIA

Gli arrestati nell’operazione ‘White boat’ sono tutti albanesi: 26, 30, 34 e 49 anni. In tre sono finiti in carcere, uno ai domiciliari con il braccialetto elettronico, perché 1 tonnellata di droga non merita il carcere.

Il procuratore Giovanni Giorgio ha evidenziato “la grande attenzione al contrasto agli stupefacenti, che in provincia di Macerata è un fenomeno piuttosto rilevante”. “Questo – ha detto – è un periodo piuttosto intenso per la provincia”. ‘Intenso’.




Lascia un commento