Bergoglio difende migranti: “Stuprano anche gli italiani”

Condividi!

Nella migliore delle ipotesi un deficiente in matematica, nella peggiori un mentitore che sa di mentire.

Nell’ultimo bizzarro tentativo di difendere i suoi immigrati, Bergoglio è andato oltre: “Tante volte i migranti sono sporcati dai commenti”, “c’è un modo di presentare le cose che cambiano la verità”.

Così il Pontefice, in un lungo discorso a braccio ai partecipanti della Giornata mondiale di riflessione contro la Tratta di Persone. “Alcuni mesi fa – ha aggiunto – ho visto su un giornale un titolo…Una piccola città dell’Italia, si diceva: Questa è la città dove ci sono stati più stupri quest’anno e il 40% di stupratori erano migranti. È un modo di sporcare i migranti – ha sottolineato -. Io mi domando e l’altro 60% chi erano? Italiani…”.

VERIFICA LA NOTIZIA

In realtà il dato è nazionale. E il cazzaro vaticano dovrebbe capire – ma lo sa, finge di essere ingenuo – che se l’8% commette il 60% degli stupri e il 92% commette il 60% (compresi gli zingari con cittadinanza italiana) esiste un problema: si chiama immigrazione.




Lascia un commento