Post su Boldrini come Pamela, fratello autore: “Post da medaglia al valore”

Condividi!

Gianfranco Corsi è il 58enne accusato di aver diffuso online il fotomontaggio di Laura Boldrini come Pamela. Il fratello Roberto lo difende su Facebook.

“Si è mio fratello, ed è degno di una medaglia al valore”. Poi aggiunge: “Non siamo razzisti, né terroristi, – scrive Roberto -siamo contro la clandestinità, siamo per una vera Giustizia”. E precisa: “Attualmente sono in questura di Cosenza, in attesa di avere notizie, sono stati sequestrati anche i pc di mia nipote, che studia all’università, più i cellulari”. Tutto per un post di cattivo gusto su facebook, mentre i terroristi se la spassano. Come se il problema non fosse una ragazzina fatta a pezzi grazie, anche, alla Boldrini, ma chi le augura di fare la stessa fine. Come se l’augurio fosse peggio dell’assassinio.

VERIFICA LA NOTIZIA

Inoltre, procede il post: “Non siamo né di destra né di sinistra – scrive sui social – È vero ed è sotto i vostri occhi il fatto che siamo milioni di italiani stanchi di subire questa violenza inaudita da parte di immigrati clandestini in Italia”. Nella pagina Facebook, è anche presente un altro post: “Signora Boldrini la foto è su Google visto che utilizza sua figlia nelle sue dichiarazioni faccia bloccare Google”.




Lascia un commento