Ufficiale: Profughi assunti negli Scavi di Pompei al posto Italiani

Condividi!

E’ confermata la demenziale nuova iniziativa del governo abusivo, che prima di togliersi democraticamente dalle palle, spara le ultime oscene marchette.

Una capillare distribuzione dei migranti sul territorio attraverso anche l’impiego sperimentale nei servizi sociali, in particolare in alcune realtà turistiche di grande pregio come gli Scavi di Pompei e la Reggia di Caserta. É il bizzarro protocollo d’intesa siglato oggi a Napoli con il ministro degli Interni Marco Minniti da 265 sindaci della Campania (il 70% del territorio) per l’accoglienza dei richiedenti asilo.

Lega in piazza a Napoli contro lavoro a 10 mila profughi, intonato inno Mameli – VIDEO

“Un progetto bello e straordinario – ha sottolineato il ministro tutto eccitato – che mette in campo una visione comune basata su accoglienza, umanità, integrazione e sicurezza e che se dovesse avere successo renderà migliore non solo la Campania ma l’Italia intera”.

Ma certo, impieghiamo africani senza alcuna esperienza e con il QI che tutti sappiamo negli scavi archeologici. E’ un’idea degna di un partito, il PD, che si deve togliere dalle palle.




Lascia un commento