Ong intercettate si lamentano: “Solo un peschereccio, niente migranti da trasportare”

Condividi!

Importante testimonianza dal viaggio ormai concluso della missione Defend Europe. Le Ong, quando i carichi promessi dai trafficanti si rivelavano normali pescherecci sfogavano tra loro tutta la delusione. Il che significa che non salvavano poveri migranti, traghettavano a cottimo clandestini.

Mentre eravamo nella SAR-Zone abbiamo sentito e registrato diverse trasmissioni radio provenienti dalle ONG e dalle più importanti autorità marittime.

VERIFICA LA NOTIZIA

Tutto questo ci ha fornito degli importanti indizi riguardo alle procedure ed alle tattiche delle ONG, su come queste collaborino tra di loro e di come siano desiderose di portare migranti in Europa.

Durante una conversazione tra “Golfo Azzurro” ed un’altra ONG, venne espressa grande delusione quando l’imbarcazione che loro pensavano trasportasse migranti si rivelò invece una piccola nave di pescatori. Più tardi avemmo modo anche di ascoltare, in un’altra conversazione, come la pressione verso le ONG stesse salendo ed il supporto verso di loro, invece, drasticamente calando.

Per esempio, la “Golfo Azzurro” si lamentò con la “Seefuchs” riguardo al fatto che la MRCC Roma non li avesse chiamati per prendere parte in un’operazione di soccorso e che il loro comportamento fosse stato poco amichevole. Nonostante l’accaduto, loro decisero comunque di procedere verso quell’operazione. Più tardi potemmo anche registrare come la ONG “Open Arms” si lamentasse riguardo al fatto che le autorità portuali non volessero concedergli l’attracco.

In ogni caso, la migliore trasmissione radio rimane quella tra la guardia costiera libica e la “Golfo Azzurro”.

Sorveglianza radio durante la missione

Al fine di documentare e sorvegliare la situazione fu importante avere qualcuno che controllasse la radio per almeno 20 ore al giorno. Mentre eravamo nella SAR-Zone abbiamo sentito e registrato diverse trasmissioni radio provenienti dalle ONG e dalle più importanti autorità marittime. Poichè molte delle ONG avevano il loro AIS spento, le trasmissioni radio erano spesso l'unica maniera per trovare la posizione di quelle navi. Tutto questo ci ha fornito degli importanti indizi riguardo alle procedure ed alle tattiche delle ONG, su come queste collaborino tra di loro e di come siano desiderose di portare migranti in Europa. Durante una conversazione tra “Golfo Azzurro” ed un'altra ONG, venne espressa grande delusione quando l'imbarcazione che loro pensavano trasportasse migranti si rivelò invece una piccola nave di pescatori. Più tardi avemmo modo anche di ascoltare, in un'altra conversazione, come la pressione verso le ONG stesse salendo ed il supporto verso di loro, invece, drasticamente calando.Per esempio, la “Golfo Azzurro” si lamentò con la “Seefuchs” riguardo al fatto che la MRCC Roma non li avesse chiamati per prendere parte in un'operazione di soccorso e che il loro comportamento fosse stato poco amichevole. Nonostante l'accaduto, loro decisero comunque di procedere verso quell'operazione. Più tardi potemmo anche registrare come la ONG “Open Arms” si lamentasse riguardo al fatto che le autorità portuali non volessero concedergli l'attracco. In ogni caso, la migliore trasmissione radio rimane quella tra la guardia costiera libica e la “Golfo Azzurro”.

Posted by Generazione Identitaria on Sunday, September 3, 2017




Lascia un commento