Nega sigaretta a migranti, operaio pestato a sangue

Condividi!

«Ehi bello, hai una sigaretta?». Come ha risposto di no, è stato insultato e malmenato. Un agguato in piena regola, ancor più vile perché teso alle spalle, nel buio della sera, in una zona isolata e poco illuminata. Per puro caso in quel momento passava una coppia di anziani ciclisti. Hanno assistito alla brutale aggressione, hanno gridato con la minaccia di chiamare la polizia. Sono riusciti a mettere in fuga i balordi, due giovani stranieri, probabilmente di etnia rom.

VERIFICA LA NOTIZIA

Di loro, nessuna traccia. Solo il ricordo impresso nella memoria della vittima che li ha guardati negli occhi prima di essere tramortito da una raffica di colpi. È ancora sotto choc Antonio (nome di fantasia per tutelare la privacy), 40 anni, napoletano trapiantato prima ad Ancona e, da qualche mese, a Jesi. Come ogni sera, giovedì tornava a casa dal lavoro, fa l’operaio in una ditta della Baraccola. Era appena sceso dal treno, erano circa le 22,30. Passeggiava lungo via Trieste, che dalla stazione di Jesi conduce alle mura. Stava parlando al cellulare e con l’altra mano reggeva una valigetta. A un certo punto si è imbattuto in quei due brutti ceffi. L’incontro peggiore che potesse fare. «Mi hanno chiesto una sigaretta, ma in quel momento non stavo fumando e ho risposto di no perché davvero le avevo finite», racconta davanti a un caffè. Nei suoi occhi si legge la paura, che però non annebbia i ricordi. «Guardi che mi hanno fatto».




Lascia un commento