Violentatore sessuale plurimo ai domiciliari in casa popolare

Violenza sessuale e tentato stupro di una turista in pieno giorno alle Cinque Terre. Per un giudice, l’ipotesi di reato in sé non è poi così grave da giustificare la galera preventiva. Neanche per chi è già conosciuto dalle forze dell’ordine per reati a sfondo sessuale.

Il muratore marocchino acchiappato sabato notte nella stazione ferroviaria del capoluogo spezzino ed arrestato dai carabinieri, ieri è stato scarcerato dal gip del Tribunale di La Spezia.

Secondo il giudice, che lo ha interrogato, non sussistono le esigenze della misura cautelare in carcere. Pertanto, il 50enne è stato messo agli arresti domiciliari nella casa popolare di Arte che l’immigrato aveva ottenuto nel 2005.

Il marocchino ha ammesso di essere l’uomo indicato dalla vittima. In sostanza, si è difeso spiegando che stava “solo orinando” sul sentiero tra Corniglia e Vernazza e proprio in quel momento è passata la turista brasiliana che improvvisamente si è messa ad urlare. Insomma, nessun agguato o pedinamento, né violenza sessuale, né tentato stupro.

Secondo gli inquirenti, invece, il racconto della giovane vittima è indubitabile. Inoltre, il marocchino risulta già noto alle forze dell’ordine per precedenti episodi a sfondo sessuale perché alla Spezia si sarebbe mostrato nudo in più occasioni a diverse donne ed era già stato denunciato in stato di libertà. Sarà incontinente.

In sintesi, la testimone ha confermato di avere subìto una violenza sessuale perché è stata aggredita, toccata nelle parti intime e spogliata contro la sua volontà, riuscendo poi a sfuggire allo stupro solo per la disperata reazione davanti al maniaco: “Mi ha tappato la bocca per impedirmi di continuare ad urlare e mi ha strappato maglietta, reggiseno e pantaloncini di dosso toccandomi ovunque”.

Un incubo. La donna era stata poi soccorsa da altri escursionisti che l’avevano trovata praticamente nuda, con l’abbigliamento intimo strappato ed in lacrime.

VERIFICA LA NOTIZIA

La vittima aveva quindi accettato di essere accompagnata al pronto soccorso del Sant’Andrea, dove i sanitari avevano sostanzialmente confermato le lesioni compatibili con la violenza sessuale: lividi, graffi, escoriazioni e stato di choc.

Ora dovranno dirle che il suo stupratore è ai domiciliari. In una casa popolare pagata dagli italiani.



Lascia un commento