Islamico brucia viva la figlia perché vuole un maschio

Condividi!

Jahirul Islam, il padre, non poteva accettarla perché esigeva di avere un maschio

La nonna materna della bambina di nome Jannatul, Sajia Begum, ha affermato che Jahirul ha ucciso la nipote perché «voleva un figlio, non una figlia».

La bambina è stata bruciata viva nella sua casa a Pakunda, in Bangladesh.

Sajia ha detto che sua figlia ‘Kulsum’ sposò Jahirul, un elettricista, nel novembre dello scorso anno.

Dopo che Kulsum ha dato alla luce la bambina nove mesi fa, ha chiesto a Kulsum di mandare la bambina a casa di sua madre a Comilla, dicendo che voleva un maschio.

Intorno alle 11.30 della scorsa domenica, Jahirul ha dato fuoco alla povera bambina dopo aver versato benzina sul suo corpo mentre era addormentata. Anche la madre si è ustionata mentre cercava di salvare sua figlia.

Il perfido islamico Jahirul ha anche accesso il ventilatore in modo che il fuoco si diffondesse e impedito ai vicini di soccorrere la bimba e portarla in ospedale.

VERIFICA LA NOTIZIA

Jahirul poi non ha permesso agli altri di prendere la ragazza in un ospedale. Invece, chiamò un “Kabiraj” o un medico Ayurvedico del villaggio per curarla.




Lascia un commento