Scontri tra clan a Firenze: spari contro primo finanziatore Renzi

Condividi!

Ancora spari. Dopo i due proiettili contro l’auto, martedì, altro episodio alla Ab Florence di Scandicci, di Bacci, da sempre vicino al clan Renzi, e primo finanziatore dell’ex premier abusivo.

Secondo quanto riportano gli inquirenti, la scorsa notte qualcuno ha esploso due colpi di pistola contro la vetrata della ditta Ab Florence di Scandicci, alle porte di Firenze, di cui è fra i responsabili Bacci. Altri tre colpi sono stati esplosi contro l’insegna dell’azienda.

E nella serata di ieri altri due colpi di pistola erano stati sparati contro l’automobile dell’imprenditore fiorentino recentemente indagato per la bancarotta della Coam Costruzioni di Rignano. L’auto, vuota, era parcheggiata nei pressi della ditta AB Florence, a Scandicci. Il rapporto tra Renzi e Bacci è noto. L’imprenditore quando Renzi era presidente della Provincia di Firenze venne nominato nel cda di Mukki, la centrale del latte fiorentina e poi, da sindaco, lo fece presidente della Silfi, la società dell’illuminazione pubblica di Firenze.




Lascia un commento