AL RISVEGLIO 10 PROFUGHI COME VICINI DI CASA: TAFFERUGLI

Condividi!

Tensione stamattina al Quinto Viale di Parco Noce a Varcaturo dove, improvvisamente, alcune famiglie si sono visti arrivare – senza nemmeno preavviso – come nuovi vicini di casa, un gruppo numeroso di giovani maschi africani, trasferiti lì da una cooperativa di affaristi ‘Nessun escluso’ in un’abitazione di 60 metri quadrati.

I vicini di casa non hanno accolto di buon grado la notizia ed hanno protestato inveendo contro i migranti. Ci sono stati attimi di tensione.

Sul posto c’era l’assessore Carla Rimoli ed il consigliere Peppe Di Girolamo, i quali hanno chiesto chiarimenti alla cooperativa sulla sede scelta per ospitare i migranti. . “In questo modo non si fa accoglienza – dichiara Di Girolamo – non si possono ospitare 10 ragazzi in un’abitazione di 60 metri quadrati. Non c’era nemmeno un mediatore culturale”, dichiara il consigliere. “Bisogna verificare se ci siano tutte le condizioni di sicurezza igienico-sanitarie, ho chiesto l’intervento dell’Asl, dei vigili e dell’ufficio tecnico affinchè vengano fatti i dovuti controlli”, afferma l’assessore Rimoli.

Barricate, altro che ‘mediatori culturali’.




Lascia un commento