EMERGENZA STUPRI A RIMINI: PROFUGHI SCATENATI

Condividi!

RIMINI – È allarme stupri a Rimini e non ve ne sono dubbi. Ben tre le violenze consumate negli ultimi quattro giorni e balzate sulle cronache locali.
Roberto Lo Giudice, responsabile provinciale per Forza Nuova, si domanda – “Oramai tutti i giorni la stampa ci offre uno spaccato di una Rimini allo sfascio, dove sono le Istituzioni?”

15385318_1193585097400280_722779149942186504_o
“Quotidianamente Rimini è teatro di fatti di violenza e, il più delle volte, ad opera di immigrati” – dichiara Lo Giudice – “Le istituzioni cittadine, complici del business dall’accoglienza, per anni hanno chiuso gli occhi di fronte allo sversamento incondizionato di migranti nella nostra città supportando economicamente e politicamente cooperative ed associazioni che sono divenute ad oggi veri e propri covi di delinquenti: uno su tutti Casa Madiba.”

15338617_1193585030733620_1502148341471485991_n

“Il Sindaco Gnassi e la sua giunta, con il loro approccio buonista al problema immigrazione, hanno riempito una città di finti profughi con la folle utopia della possibile integrazione quando invece, come un Vaso di Pandora, la situazione è divenuta oramai incontrollabile” – fa eco Mirco Ottaviani, responsabile regionale per Forza Nuova – “È ora che la ‘Bella Addormentata’ Gnassi si desti dal torpore e smetta di offuscare la situazione di grave insicurezza in cui versa l’intera città, è finito il momento del panem et circensem, è finito il tempo di sostenere che i riminesi possono stare tranquilli, sono finiti i fasti della capitale della riviera, è ora semmai che la politica tutta e le autorità preposte si attivino con misure straordinarie per proteggere le nostre donne che hanno il diritto inviolabile di poter camminare sicure nella nostra città.”
“Serve un’immediata militarizzazione dei quartieri più degradati della città” – conclude Ottaviani – “Forza Nuova dal canto suo è pronta a scendere in campo affianco ai cittadini, come già sta facendo attraverso le passeggiate della sicurezza, ai quali la miope giunta cittadina sta, con questa scellerata gestione, togliendo quel senso di sicurezza che dovrebbe essere il cardine fondamentale del buon vivere.”




Lascia un commento