I Ricchi vanno sottoterra: mega-struttura di lusso in caso catastrofe globale

Condividi!

La retorica dei ‘ponti’ va bene per i cittadini comuni, non per i super-ricchi, che invece per se stessi preferiscono i muri.

Uni di questi è, sicuramente, Bergoglio, che ogni giorno parla di “abbattere i muri”, e poi vive qui:

VATICANO

L’altro è Mattarella:

quirinale

Ma qualcuno, ora, sta portando il livello ad un altra altezza: sottoterra.

E’ il caso di un gruppo di investitori texani che sta per realizzare una imponente struttura sotterranea di lusso con 400 appartamenti per 1.600 ricchi. IL costo di 300 milioni di dollari sarà totalmente indipendente per acqua, aria ed energia in caso di catastrofe globale.

I residenti potranno godere di un centro ippico, campo da golf a 18 buche, campi da polo, negozi al dettaglio, ristoranti, tre spiagge di sabbia e un centro benessere.

Il CEO Trident Lakes, Jim O’Connor: “Il concetto è quello di costruire una comunità che durerà due secoli o più. Saremo pronti entro il 2018”.

Hanno fretta. Sanno qualcosa che noi non sappiamo?




Lascia un commento