CETA: PROTESTE A BRUXELLES, BUROCRATI UE FIRMANO

Condividi!

Al via a Bruxelles i lavori del vertice Ue-Canada per la firma dell’accordo di libero scambio, il famigerato Ceta. Il vertice è iniziato in ritardo, in attesa del premier canadese Justin Trudeau che questa notte ha avuto problemi tecnici con l’aero che lo portava in Europa ed è stato costretto e rinviare di qualche ora l’arrivo in Belgio.

Ad accoglierlo i presidenti di Consiglio e Commissione Ue Donald Tusk e Jean Claude Juncker, che pareva sobrio, ma non troppo. “Ben fatto”, ha detto Trudeau salutando Tusk.

“Le cose difficili sono difficili, ma si è riusciti”, ha detto invece a Juncker. I tre, dopo la foto ufficiale, si sono recati verso la sala per dare l’avvio ai lavori.

Davanti al Consiglio Ue é in corso un sit-in di protesta dei movimenti belgi anti-Ceta, l’accordo di libero scambio Ue-Canada, alla firma stamani tra il premier canadese Justin Trudeau e i vertici europei. I manifestanti chiedono di entrare. Alcuni hanno picchiato con le mani contro i vetri della porta d’ingresso, ma sono stati allontanati ed ora si trovano al di là del cancello di sicurezza, sotto la sorveglianza della polizia, che ha circondato la zona.

Perché nella ‘democrazia’ UE i popoli non contano.




Lascia un commento