Austria si prepara a sigillare confine Italia

Condividi!

Dal giornale economico Il Nord:
Mentre in Italia aumenta di giorno in giorno il numero di immigrati africani che sbarcano sulle nostre coste, la totalità dei quali dev’essere risepdito in Africa perchè non ha alcun diritto d’asilo in Italia e tanto meno in Europa, viceversa in Austria le autorita’ non si fanno trovare impreparate tant’è che a Passo Monte Croce Carnico, in territorio austriaco, spuntano i centri di identificazione, prima accoglienza e assistenza – nell’ipotesi ve ne fossero – dei profughi.

Entreranno in funzione solo nel caso in cui i flussi migratori dovessero intensificarsi dall’Italia, un’ipotesi che la polizia austriaca prende seriamente in considerazione. “Attualmente – spiega Rainer Dionisio, portavoce della polizia carinziana – non ci sono controlli fissi al confine con l’Italia. Continueranno ad esserci controlli nell’ambito delle cosiddette Agm (Ausgleichmassnahmen “misure di compensazione”) così come già avveniva in passato. Si tratta di accertamenti da parte della polizia all’interno del territorio austriaco o anche in prossimità del confine con periodicità non regolare”.

“La polizia carinziana, però, è preparata – continua il portavoce – anche per l’eventualità che giungano disposizioni di controlli permanenti ai valichi. In questo momento non vi sono disposizioni al riguardo, né alcuna data effettiva per la loro applicazione. Una possibile vigilanza al confine dipenderà dai fenomeni migratori, per i quali attualmente non se ne vede la necessità. L’Italia ora impedisce ai migranti di entrare illegalmente in Austria, a differenza dell’anno scorso. Prendiamo tuttavia in considerazione la possibilità che la situazione possa rapidamente modificarsi”. Ovviamente, in peggio.

I container per l’identificazione dei clandestini fermati in territorio austriaco sono apparsi lunedì scorso. Un’ipotesi che sembrava già concreta a giugno quando la rotta balcanica era sotto pressione. Poi più nulla fino a pochi giorni fa, quando alcuni operai hanno messo piede al confine, tra lo stupore dei residenti. La neve ha ritardato i lavori che si concluderanno nel fine settimana.




Lascia un commento