FRANCIA: ONDATA DI ATTACCHI CONTRO CENTRI ‘PROFUGHI’

Condividi!

Ancora colpi spari contro i futuri centri di accoglienza francesi per clandestini: secondo il quotidiano Le Dauphiné Libéré, ‘ignoti’ hanno sparato con un fucile da caccia contro la struttura a Saint-Hilaire-du-Rosier (Isère), nella notte tra mercoledì e giovedì. Nei pressi del sito che dovrebbe accogliere 60 dei clandestini sgomberati dalla tendopoli di Calais sono state rinvenute diverse scritte contro il Piano Kalergi di Hollande, che vuole diffondere le migliaia di clandestini di Calais in tutta la Francia, invece di espellerli..

Martedì sera, altri colpi erano stati esplosi contro il villaggio vacanze di Saint-Brevin-l’Océan (Loire-Atlantique), che deve anch’esso trasformarsi, secondo i piani criminali del governo francese, in un centro di accoglienza per i clandestini.

Ieri, il ministro della Casa (agli immigrati), Emmanuelle Cosse, ha lanciato un appello ai francesi affinché denuncino le cosiddette “azioni estremiste razziste”. Jacques Toubon, il ‘difensore dei diritti’ – autorità indipendente che vigila sul comportamento della pubblica amministrazione nei confronti dei cittadini (da quando i clandestini lo sono?) – ha invece espresso “profonda preoccupazione” per le condizioni di sgombero della cosiddetta ‘Giungla’ di Calais.




Lascia un commento