IL NUOVO ITALIANO LE E’ PASSATO SOPRA CON L’AUTO 2 VOLTE

Condividi!

GIADA MOLINARO: PER LEGALE GENITORI, IL ‘NUOVO ITALIANO’ DEFINITO DAI MEDIA DI DISTRAZIONE DI MASSA “AGRIGENTINO” LE E’ PASSATO SOPRA CON L’AUTO DUE VOLTE

I genitori di Giada Molinaro sono intervenuti a Pomeriggio 5 per parlare della morte della 17enne, investita il 14 settembre da un pirata della strada (FOTO).

giada-molinaro-flavio-jeanne

Il padre della ragazza: “Ho ricevuto un messaggio da mia figlia alle 23.17, mentre alle 23.20 ho sentito un botto tremendo. L’ho chiamata subito ma non mi rispondeva, quindi sono corso in strada e l’ho vista. La gente diceva che l’automobilista che l’ha investita è passato sopra il suo corpo una seconda volta prima di scappare“.

Non voglio restare più a Varese“, ha svelato. “Lui è agli arresti domiciliari e mia figlia non c’è più“.

Il legale dei genitori: “Stiamo conducendo una nostra investigazione indipendente per scoprire l’esatta dinamica dell’accaduto“.

Giada Molinaro non è stata vittima di un incidente stradale involontario la sera del 14 settembre, ma di omicidio volontario con dolo eventuale: è questa infatti la tesi della famiglia della 17enne . Il legale ha chiesto alla Procura di indagare ipotizzando il nuovo reato: l’avvocato Corrado Viazzo sostiene che il meticcio 24enne avrebbe rallentato dopo il primo urto e poi sarebbe ripartito, passando con la sua Kia Rio sopra il corpo di Giada Molinaro. Poi è fuggito.

La ragazza, travolta dall’auto di Flavio Jeanne, genitori delle Mauritius e ‘italiano’ per Ius Soli, sarebbe stata investita due volte. I particolari emersi dall’autopsia, dunque, aprono nuovi scenari.

Il 24enne meticcio si trova agli arresti domiciliari in casa dei suoi familiari, da dove continua a sostenere la bizzarra tesi di essere “fuggito per la paura delle conseguenze di quell’incidente”.

Conseguenze che però non ci sono, visto che è libero. Per questo motivo dopo l’impatto Flavio Jeanne avrebbe fatto ricorso ad una carrozzeria per cancellare ogni traccia dell’assassinio.




Lascia un commento