Ragazzo di 17 anni stuprato da 4 gay 50enni: filmato diffuso

Condividi!

Hanno rinchiuso un minorenne dentro un centro massaggi e lo hanno violentato a turno senza pietà.
La violenza omosessuale in un centro massaggi di Cava de’ Tirreni (Salerno). E’ accaduto nei mesi scorsi, ma solo ora i carabinieri sono riusciti a risalire a due dei quattro stupratori gay. Uno è il proprietario del centro. Sono cinquantenni.

I quattro hanno anche ripreso lo stupro con un telefonino per produrre materiale omosessuale da diffondere nei circuiti della perversione omo e con cui hanno poi ricattato la vittima.

Due stupratori gay sono ancora da individuare, perché durante lo stupro indossavano maschere e parrucche. L’aggressione è stata scoperta dalla madre del ragazzo che ha notato dei comportamenti strani nel figlio. Immediatamente gli ha guardato il cellulare e ha letto alcune conversazioni che l’hanno condotta dai carabinieri dove ha denunciato il fatto. Il 17enne era stato violentato proprio nel centro massaggi gestito da uno degli indagati.

La povera vittima dei pervertiti è stata legata dal branco gay e costretta a subire violenze omosessuali. Poi, gli aggressori hanno iniziato a riprendere la scena con un telefonino “per immortalare quei momenti”, e poi goderseli tra loro e nei circolini. Avete capito quali, vero?




Lascia un commento