Padova: carte false per ospitare finti profughi, indagata Coop

Condividi!

Dal giornale locale:

Simone Borile e Gaetano Battocchio sono indagati dalla Procura di Padova per truffa e falso in riferimento a un atto. È una convenzione tra Ecofficina e la Prefettura firmata il 6 gennaio del 2014 (e operativa dall’8)-

Due Carrare, nelle carte spunta una data sospetta. Carabinieri in municipio. C’è un’inchiesta
Tra i requisiti per l’ammissione c’era il fatto che gli enti attuatori del servizio dovessero “possedere una pluriennale e consecutiva esperienza nella presa in carico di richiedenti/titolari di protezione internazionale, comprovata da attività e servizi in essere al momento della presentazione della domanda di contributo”. Pluriennale e consecutiva: ossia almeno 24 mesi e un giorno di attività al servizio dei profughi. Quindi, a guardare il calendario, come minimo da gennaio-febbraio del 2014.
L’anomalia sta nel fatto che quella convenzione sarebbe stata siglata non il 6 gennaio ma il 14 maggio, con decorrenza dell’operatività dall’8 maggio. Ecofficina, come minimo, non avrebbe potuto partecipare alla gara di Due Carrare e vincerla.

In mattinata i carabinieri del Nucleo investigativo si sono presentati alla sede di Ecofficina a Battaglia, in municipio a Due Carrare e nelle abitazioni di Borile e Battocchio. Hanno prelevato il materiale necessario per avviare l’indagine. L’ennesima tegola che piomba sulla cooperativa pigliatutto.

E’ tutto il sistema dell’accoglienza ad essere marcio. Da Renzi in giù.




Lascia un commento