KOS BRUCIA: CITTADINI LANCIANO ESPLOSIVI CONTRO SOLDATI DI TSIPRAS

Condividi!

Scene di guerra a Kos, isola greca in balia dei clandestini, e dove soffia ora il vento della rivolta popolare.
Il figlio di Troika Tsipras sta costruendo l’ennesimo accampamento per clandestini – hotspot nella neolingua di Bruxelles – e i cittadini locali non lo vogliono. Non vogliono essere trasformati in una colonia islamica.

kos

Decine di manifestanti si sono scontrati con la polizia lo scorso fine settimana per impedire la costruzione già in corso, quattro battaglioni di poliziotti antisommossa sono state inviate sull’isola dell’Egeo orientale per imporre alla popolazione la presenza degli immigrati e stare a guardia del campo militare in disuso a Pyli, convertito in hopspot.

Ieri sera, gruppi di manifestanti hanno lanciato esplosivi fuori da una stazione di polizia nell’ultimo di una serie di attacchi contro gli ufficiali che hanno incluso bombe incendiarie, razzi e petardi. Non hai molta scelta, quando devi difendere casa tua, non solo dall’invasore straniero, ma anche dal tuo governo.




Lascia un commento