Guardia Costiera li attende su spiaggia e li informa a quale hotel presentarsi

Condividi!

Se la situazione italiana rasenta la follia, con un governo che raccatta clandestini a botte di mille al giorno, arrivando a ‘rapirli’ lungo le coste libiche, non è un unicum in Europa. Anzi, il virus dell’autolesionismo etnico dilaga ovunque.

Ecco clandestini pakistani e africani che sbarcano come turisti sull’isola di Kos:

 

KOS2B326BBD00000578-3190377-New_arrivals_An_Afghan_migrant_smiles_as_he_reaches_the_sands_of-a-56_1439044784087

KOS2B326C8000000578-3190377-image-a-63_1439044784204

Sbarcano a migliaia al giorno. E invece di sparare contro questi invasori – sono tutti giovani, e tutti maschi, come definirli altrimenti – la guardia costiera greca li attende sulle spiagge per indicare loro gli hotel dove recarsi:

 

KOS2B32804300000578-3190377-image-a-67_1439044784354

 

La pistola è per figura. Ormai, i cosiddetti militari occidentali sono ‘checche’, galoppini dell’invasione:

KOS2B326DC400000578-3190377-Stepping_in_Greek_coast_guard_officers_talk_to_the_new_migrants_-a-66_1439044784327

 

E’ una vera follia. Lasciamo entrare truppe islamiche a casa nostra senza colpo ferire anzi, le aiutiamo con il problema della logistica: un tempo si diceva ‘ponti d’oro al nemico che fugge’, oggi, i ponti d’oro li facciamo al nemico che entra. Osceno. Etnicamente masochista: stiamo assistendo come ebeti alla devastazione di una civiltà. La nostra.




Lascia un commento