Parlamentari piddini querelano Buonanno: ha detto che i rom sono ladri

Condividi!

Proprio oggi: mentre gli italiani sono ancora sconvolti dalla corsa folle dei tre zingari a Roma, fanatici Pd ( e un paio di altri ‘partituncoli’ d’area ‘progressista’) si sono preoccupati di querelare il deputato della Lega, Buonanno, per ‘rassismo’ contro i rom. A dimostrazione della totale alienazione dalla realtà che vige in certi lidi.

A presentare questa querela (irriguardosa e demenziale come poche), sono stati una sfilza di parlamentari piddini: Giovanna Martelli, Stefano Fassina, Emanuele Fiano ( noto perché parlò di articolo 21 come di ‘un problema’), e Ivan Scalfarotto ( noto perché vuole mettere in galera tutti quelli che non vogliono far adottare bambini ai gay come lui). Poi vi sono altri nomi ‘illustri’ dell'”intellighenzia” sfattona, come Moni Ovadia e Barbara spinelli: quelli che nella campagna elettorale per le scorse Europee, spiegavano che l’Italia ha bisogno di almeno 20 milioni di immigrati…

Le frasi incriminate di Buonanno risalgono allo scorso 2 Marzo, quando in occasione della puntata di un programma di politica, in onda su la7, parlò di rom come:” feccia della società: ladri e farabutti”. Parole condivise dall’ampia maggioranza di italiani.
E nondimeno, parole corrette. E’ tutto nella loro ‘idea della vita’, dell’ideologia della ‘libertà’ che vede nel rapporto di lavoro salariato una gabbia, e nel furto una prova di astuzia e destrezza. E ogni dato conferma che dove vanno, portano degrado e aumento di furti ( qui nella Roma del fattaccio di ieri).

Ma piddini et similia ignorano la realtà, al punti di presentare questa querela proprio il giorno dopo che il degrado portato dai loro ‘protetti’ ha dato particolare spolvero di sé. E ci rendiamo conto, allora, che non si possa dire qualcosa che sia più basso della loro stessa natura.




Lascia un commento