Un ‘italiano’ figlio di marocchini a capo cellula ISIS in Italia

Condividi!

“Per la prima volta si è contestato il reato di arruolamento” in Italia. Lo sottolineano i pm di Brescia sull’arresto di tre persone legate ad Isis.

Due arresti riguardano il reato di “arruolamento per finalità di terrorismo internazionale”, sono due albanesi,il terzo, un ‘italiano’ figlio di marocchini, è accusato di aver diffuso su Internet il documento “Stato islamico”, “il primo di propaganda in italiano”.

Materiale destinato a “italiani di seconda generazione”, molto giovani. In Italia ci sono stati “viaggi organizzati per reclutare combattenti”.

Com’è la storia del ‘dobbiamo dare la cittadinanza ai figli degli immigrati nati in Italia è una questione di civiltà‘? Si, approvate lo Ius Soli, e questi casi si moltiplicheranno per milioni.

Non esistono ‘italiani di seconda generazione’. Esistono figli di immigrati che si fingono italiani.

Il ventenne sarebbe l’autore del documento di propaganda dell’Isis, un testo di 64 pagine interamente in italiano, apparso di recente sul web.

I tre arrestati erano in contatto con Anas El Abboubi, uno degli immigrati residenti in Italia che si trovano attualmente in Siria.




Lascia un commento