‘NoPizzo Day’: Forza Nuova ‘sgombera’ i parcheggiatori abusivi

Condividi!

RIMINI – Nella mattinata di sabato 17 gennaio i cittadini che hanno deciso di parcheggiare la propria auto presso il Ponte di Tiberio di San Giuliano per recarsi al mercato hanno finalmente evitato di pagare il “pizzo” ai diversi parcheggiatori abusivi che si alternano nella zona.

Tutto questo è stato possibile grazie al presidio dei militanti di Forza Nuova Rimini che, dopo aver ricevuto diverse sollecitazioni da cittadine esasperate dalla situazione tramite il numero di emergenza lanciato qualche settimana fa nell’iniziativa contro il degrado e la criminalità in città, hanno deciso di scendere in campo allontanando concretamente gli abusivi dal parcheggio e dalle zone limitrofe.

“Meno estorsioni, più espulsioni” recitava lo striscione esposto da circa una decina di militanti forzanovisti che hanno preso parte al sit-in capitanati dal responsabile regionale Ottaviani Mirco.

E’ quest’ultimo ad evidenziare i vari episodi di minacce ed estorsione segnalati dai residenti della zona “Molestie di ogni genere e persino qualche palpeggiamento, con cittadini presi letteralmente in ostaggio dentro le proprie auto”. “Così, oltre a dover già pagare la sosta al Comune di Rimini, ora i più deboli devono pure pagare il conto all’allogeno di turno per evitare di trovare danneggiata la propria autovettura” sbotta il responsabile.

“Questa mattina – spiega poi – abbiamo dimostrato come basti solamente un po’ di volontà per arginare il fenomeno; qualche coraggioso infatti ha provato, nonostante la nostra presenza, a portare avanti la propria attività illecita sotto i nostri occhi ma è stato prontamente allontanato dai militanti forzanovisti e poi braccato dalle forze dell’ordine intervenute”.

”Nonostante le condanne ricevute dal primo cittadino e dalla sua ciurma – conclude – continuano dunque le passeggiate notturne per la sicurezza svolte dai ragazzi di Forza Nuova Rimini così come continueranno gli interventi concreti in tutti i quartieri ed in tutti i borghi dove i cittadini ci segnaleranno particolari situazioni di criminalità o di degrado”




Lascia un commento