Charlie Hebdo: “Fanno vomitare, tutti questi ‘nuovi amici’…”

Condividi!

L’AIA – Un importante disegnatore olandese di Charlie Hebdo ha voluto rendere pubblico il suo più totale disprezzo verso gli improvvisi “nuovi amici” del settimanale satirico francese, spuntati come funghi dopo il massacro di Parigi.

Molti dei quali, fino al giorno prima, erano favorevoli alla chiusura del giornale.

“Abbiamo un sacco di nuovi amici, come il Papa, la regina Elisabetta… E mi fa davvero ridere”, ha detto Bernard Holtrop, il cui pseudonimo è Willem, al quotidiano Volkskrant in un’intervista pubblicata oggi.

Ha aggiunto: “Vomitiamo su tutte queste persone che improvvisamente si dicono nostri amici.”

Commentando l’effusione globale di sostegno al settimanale, Willem si schernìsce: “Non hanno mai visto Charlie Hebdo “.

“Alcuni anni fa, migliaia di persone sono scese in piazza in Pakistan per manifestare contro Charlie Hebdo . Non sapevano cosa fosse. Ora è il contrario, ma se la gente protesta per difendere la libertà di parola, naturalmente, è una buona cosa.”

Il problema è che non è così. Seguono la moda, il trend su Twitter del momento. Per loro, ‘Je suis CH’ è solo un’altra condivisione tra un video di barzellette e uno di qualche cantantucola. Non costa nulla e fa sentire parte della maggioranza, cosa che piace molto a chi ha bassa autostima.

Andato: Sei dei giornalisti Charlie Hebdo e collaboratori uccisi in attacco di Mercoledì sono raffigurati insieme in questa foto, scattata nel 2000. cerchiato in alto da sinistra è Philippe Honore, Georges Wolinski, Bernard Maris e Jean Cabut.  Sotto di loro sulle scale, da sinistra, è editor di Stephane Charbonnier e fumettista Bernard 'Tignous' Verlhac
Sei dei giornalisti Charlie Hebdo e collaboratori uccisi nell’attacco sono raffigurati insieme in questa foto, scattata nel 2000. Cerchiati, da sinistra: Philippe Honore, Georges Wolinski, Bernard Maris e Jean Cabut. Sotto di loro sulle scale, da sinistra, il direttore Stephane Charbonnier e il fumettista Bernard ‘Tignous’ Verlhac

Willem era su un treno tra Lorient e Parigi quando ha saputo dell’attacco: “Non ho mai partecipato alle riunioni di redazione, perché non mi piacciono. Immagino che questo abbia salvato la mia vita. ”

Willem ha sottolineato che Charlie Hebdo deve continuare a pubblicare. “In caso contrario, (gli islamici) hanno vinto.”

Altro che ‘Je Suis CH’, noi eravamo Charlie quando nessuno lo era.




Lascia un commento