Leroy Merlin vuole riempire Roma di altri ‘nomadi’: costruisce villaggio Rom

Condividi!

OSPITERA’ 500 ZINGARI DEL FAMIGERATO CAMPO ‘LA BARBUTA’, MA FINIRA’ PER ATTRARNE ALTRE MIGLIAIA

Business e zingari si incontrano. Affaristi francesi senza scrupoli vogliono costruire un centro commerciale dov’è il campo rom, e non vogliono zingari nei dintorni.

E fino a qui, tutto normale – anche se i centri commerciali sono la rappresentazione fisica dell’idiozia moderna – ma gli zingari non spariranno, semplicemente verranno messi sulle spalle dei cittadini romani, di altri cittadini romani.

È la vergognosa idea di un’associazione di imprese capeggiata da Leroy Merlin che pur di togliersi di torno i rom, finanzierà il progetto su una porzione dei 270mila metri quadrati de La Barbuta, al confine con Ciampino.

Rispedirli in Romania sarebbe troppo semplice. Nessuno ci guadagnerebbe, tranne i romani.

Intanto, membri di associazioni finanziate dal noto affarista senza scrupoli Soros, il consigliere Riccardo Magi (Radicali) e il presidente della celeberrima associazione “21 luglio”, Carlo Stasolla, dettano le loro condizioni: “Se Leroy Merlin intende impegnarsi finanzi start-up, progetti di formazione professionale e di scolarizzazione per i rom, concorrendo così alla loro integrazione”.

Start-up, non si rendono conto nemmeno della comicità dei loro bizzarri ‘ragionamenti’.

L’insediamento dovrebbe accogliere 400 dei 580 ospiti dell’attuale “campo”. Leroy Merlin affiderebbe la gestione alla cooperativa succhiasoldi “Capodarco”.

Perché, questi francesi, non trasferiscono gli zingari a Parigi? Forse, è invece loro intenzione trasferire invece gli zingari di Parigi a Roma?

 




Un pensiero su “Leroy Merlin vuole riempire Roma di altri ‘nomadi’: costruisce villaggio Rom”

Lascia un commento