Prandelli frastornato, e si vede

Condividi!

CONVOCAZIONI SUICIDE

Ieri sera, dopo l’infortunio di Montolivo si era detto ‘frastornato’, e oggi ne ha data ampia dimostrazione escludendo il più forte attaccante italiano. Rossi.

E’ vero che ha recuperato da poco da un terribile infortunio, ma c’erano ancora 15 giorni di tempo e tutto un torneo per dare il meglio. Decisione quindi priva di senso.

Portieri: Buffon (Juventus), Perin (Genoa), Sirigu (Paris St. Germain);
Difensori: Abate (Milan), Barzagli (Juventus), Bonucci (Juventus), Chiellini (Juventus), Darmian (Torino), De Sciglio (Milan), Paletta (Parma);
Centrocampisti: Aquilani (Fiorentina), Candreva (Lazio), De Rossi (Roma), Marchisio (Juventus), Thiago Motta (Paris St. Germain), Parolo (Parma), Pirlo (Juventus), Verratti (Paris St. Germain);
Attaccanti: Balotelli (Milan), Cassano (Parma), Cerci (Torino), Immobile (Torino), Insigne (Napoli).

Come privo di senso è convocare quel giocatore che segna solo su rigore, al posto di Destro. E’ vero, per noi dovrebbe giocare nella nazionale ghanese per motivi di evidente non-italianità, ma anche dal punto di vista meramente qualitativo è uno scandalo. 

A parti invertite, Prandelli avrebbe convocato Balotelli anche in barella. Per motivi politici.

Rossi è sfortunato a non avere nemmeno una sfumatura di colore.




Lascia un commento