Soldato Usa scambiato con Talebano: era anche lui un terrorista?

Condividi!

Il presidente Barack Hussein Obama ha fatto uno scambio di prigionieri tra cinque jihadisti detenuti  a Guantanamo e un soldato americano, senza notificarlo al Congresso, violando la legge.

Obama ha usato una conferenza stampa al Rose Garden per l’annuncio con i genitori del soldato liberato, Bowe Bergdahl,  accanto.

Al termine della breve conferenza, il padre del soldato, Bob Bergdahl, ha recitato una frase  del Corano – “Bismillah ir-Rahman ir-Rahim” – che significa “In nome di Allah, il Compassionevole, il Misericordioso.”

Dopo la scioccante dichiarazione e la sua lode per Allah, Obama lo ha abbracciato.

La dichiarazione ha echeggiato quella dei Talebani, che hanno  accompagnato lo ‘scambio di prigionieri’ con le parole: “per la benevolenza di Allah Onnipotente ed i sacrifici dei Mujahidin eroici e coraggiosi dell’Emirato Islamico.” …

I cinque jihadisti rilasciati da Obama sono alti dirigenti dei talebani. Uno è l’ex capo dell’esercito dei talebani.

Sono stati rilasciati da Obama dalla prigione di Guantanamo  alla custodia degli Emirati Arabi Uniti.

“L’amministrazione ha stabilito che in tali circostanze eccezionali e urgenti, tale trasferimento doveva andare avanti, nonostante l’obbligo di avviso,” i funzionari hanno detto ai media .

Il Congresso ha criticato la violazione della legge da parte di Obama e ha messo in discussione anche la ratio dell’accordo, oltre al metodo.

Anche se Bergdahl ha citato il versetto del Corano, nella trascrizione ufficiale della Casa Bianca, questa parte è stata opportunamente non inclusa.

Ma il fatto più sconcertante è che secondo i commilitoni di Bowe Bergdahl, il soldato non venne effettivamente catturato, ma si allontanò volontariamente dalla sua unità per unirsi ai talebani.

Insomma, un disertore pentito.

Furono infatti due funzionari degli Stati Uniti a dichiarare all’Associated Press che il soldato era “uscito dalla base con tre afghani al termine del turno”.

Subito dopo  l’annuncio che il sergente. Bowe Bergdahl era stato consegnato alle forze speciali americane dai talebani, la pagina di Facebook Army Times ha accolto  centinaia di commenti.

La maggior parte incentrato sulle circostanze misteriose della cattura di Bergdahl. C’è stata una certa speculazione che ha camminato volontariamente lontano dalla sua unità, sollevando la questione se potesse essere accusato di essere assente senza permesso o diserzione.

Molti hanno definito Bergdahl un traditore o un disertore che ha istruito i Talebani nella costruzione di bombe servite ad uccidere i suoi ex commilitoni.

Stephen Kirouac, ha definito Bergdahl un “dirtbag” e “simpatizzante” dei talebani: “E ‘un dirtbag che ora dovrebbe passare i prossimi  20 anni a Leavenworth … i suoi commilitoni sono stati colpiti dalle sue azioni, è un simpatizzante e merita di essere processato per diserzione“, ha detto Kirouac, il cui profilo Facebook lo identifica come un comandante di compagnia a Fort Bragg, Carolina del Nord




Lascia un commento