Assam, scontri tra tribù indigena e immigrati islamici: decine di morti

Vox
Condividi!

Nuovo esempio di società multietnica. Centinaia di musulmani sono fuggiti dalle loro case in India nord-orientale, Stato di Assam, dove sono stati schierati i soldati dopo gli scontri etnici tra i membri della tribù Bodo e immigrati islamici del Bangladesh. Miliziani tribali mascherati hanno ucciso almeno 32 islamici. Molti cadaveri sono stati recuperati da un fiume. Ventidue persone sono state arrestate in connessione con gli attentati dal 1 ° maggio in Baksa e Kokrajhar distretti, dove uomini armati hanno assaltato i villagi con fucili d’assalto e bruciate le case. I ribelli Bodo del Fronte Democratico Nazionale di Bodoland , sono in lotta per una patria indipendente. L’Assam ha una storia di violenti disordini tra tribù indigene Bodo e musulmani, che si sono reinsediati là da quello che ora è il Bangladesh . Nel 2012, gli scontri etnici hanno ucciso 80 persone e sfollato più di 400.000. Il governo ha bloccati i siti web, censurati i social media e gli sms per controllare, dicono loro, la diffusione della violenza. La società multietnica prevede, giocoforza, il totalitarismo e la censura, l’unico modo di mantenere una parvenza di ‘calma’.

Vox