Carfagna scambia Parlamento per un reality

Condividi!

C’ha preso gusto, alla poltrona. E visto che nessuno la voterebbe, vuole, lei e un manipolo di altre olgettine della politica, il posto assicurato in lista. Sono le cosiddette ‘quote rosa’, che con la scusa delle ‘parità’ – casalinghe e lavoratrici chiedono a ‘gran voce’ le quote rosa – servono ad un manipolo di ex soubrettes da avanspettacolo per assicurarsi la poltrona in parlamento.

Il Paese muore lentamente, e nemmeno troppo, con una emorragia di lavoratori senza precedenti, e queste perdono tempo e bloccano i lavori, con i loro capricci da balbuzienti della politica. In questo caso è davvero tutta ‘colpa di B.’. Che ha portato in parlamento delle incapaci.




Un pensiero su “Carfagna scambia Parlamento per un reality”

  1. Le femministe del PD hanno denunciato un ragazzo del M5S che aveva detto che erano lì solo per i pompino. E invece no, vogliono essere lì solo perché hanno una vagina, ottenere privilegi in cambio di nulla, e poi fare anche le vittime. Aveva ragione Battiato quando parlava di troie in parlamento

Lascia un commento