Ecco il paese che tiene prigionieri i marò: raffica di stupri su bambini

Condividi!

New Delhi – Tre episodi di violenza sessuale su bambini in pochi giorni: una bambina di cinque anni sta lottando tra la vita e la morte in un ospedale di New Delhi, dopo essere stata rapita, tenuta segregata in una stanza per giorni e brutalmente violentata.
Ricoverata in terapia intensiva, le sue condizioni sono “critiche”. “La bimba era traumatizzata quando e’ stata portata da noi, aveva ferite alle labbra, guance e al petto e bruciature sul collo”, ha riferito il responsabile medico.
Secondo i medici, l’area genitale e’ stata mutilata e le sono stati inseriti oggetti all’interno che le hanno provocato danni e infezioni. La bimba stava giocando fuori casa lunedì scorso quando e’ scomparsa. La polizia aveva “inizialmente registrato un caso di rapimento”, ma adesso ha ampliato l’indagine “a stupro e tentato omicidio”. E’ in corso una caccia all’uomo per trovare il vicino ritenuto il principale indiziato. A far ritrovare la bimba di cinque anni e’ stato un passante che ha sentito i suoi lamenti e ha chiamato la polizia. Critiche nei confronti della polizia sono state sollevate dai familiari della bimba, che hanno rinfacciato agli agenti di non aver preso sul serio la vicenda.

Intanto, non si placa la tensione intorno al caso della bimba di sei anni scomparsa mercoledi’, il cui cadavere e’ stato ritrovato in una discarica nella zona di Nagla Kalar ad Aligarh, nello stato dell’Uttar Pradesh. Secondo l’autopsia, la bimba e’ stata stuprata.

In un terzo caso, un bambino di cinque anni e’ stato sodomizzato dal suo insegnante 32enne nel bagno di una scuola materna di New Delhi. La violenza, avvenuta martedi’ scorso, e’ stata confermata dai medici e la polizia ha arrestato l’insegnante. Secondo quanto riferito dai media locali, il 32enne Pramod ha attirato il bambino in bagno e lo ha violentato, minacciando poi di uccidere lui e la sua famiglia.
.




Lascia un commento