Effetto “Supermario”: consumi petroliferi a livelli anni ’60

Condividi!

I consumi petroliferi sono crollati nel 2012 dell’11,4%, a 63 milioni di tonnellate, cioe’ al minimo dagli anni Sessanta, prima del boom economico e della diffusione di massa dell’automobile. Sono i dati forniti dall’Unione Petrolifera nel preconsuntivo 2012.
E’ l’effetto “supermario”. La chiusura a tenaglia di due danni convergenti: uno strutturale, i “balotelli” dell’immigrazione che stanno distruggendo l’economia; e l’altro congiunturale, i “tecnici” e le loro politiche depressive. Ci volevano loro per riportarci a livelli di decenni fa, solo che ora siamo anche più poveri, perché abbiamo cinque milioni di abitanti in più. Quelli che ci dovevano portare “ricchezza”.




Lascia un commento