SPARI CONTRO MIGRANTE ACCOLTELLATORE: CARABINIERI INDAGATI



Nuovo scandalo. Sarebbero indagati i due carabinieri che, lo scorso 29 luglio, hanno sparato alle gambe del delinquente ivoriano di 19 anni che a Monteriggioni, in provincia di Siena, aveva appena accoltellato l’autista di un bus.

Dalle 21 a notte inoltrata i due militari sono stati sentiti dal magistrato di turno. Maltrattati sia dal giudice che dai loro superiori. Vergogna, vogliamo i nomi.

I due sono stati costretti ad un periodo di ferie forzato. Sarebbe stato vietato loro di parlare, soprattutto con la stampa.

VERIFICA LA NOTIZIA
Gianni Tonelli, segretario generale del Sap (sindacato autonomo di Polizia) punta il dito contro la magistratura e annuncia che scriverà al Csm. «Ho deciso di interpellare l’organo di autogoverno dei togati – spiega – perché la situazione con cui ogni giorno i miei colleghi su strada si misurano è surreale. L’utilizzo dello strumento penale per indagare poliziotti e carabinieri è abnorme, anche perché ciò ha infinite ripercussioni negative sull’efficacia del servizio a tutela della brava gente e della comunità». Il sindacalista si chiede: «Forse ogni volta che una persona muore in ospedale, dove è fisiologico che possa accadere, si apre un fascicolo per omicidio? Forse, ogni volta che una persona condannata in primo grado viene poi assolta con formula piena in secondo grado e in Cassazione, vengono processati poi i pubblici ministeri o i giudici che hanno ipotizzato una sua responsabilità? Tutti questi soggetti – prosegue – sviluppano un’importante funzione di carattere pubblico per cui, se non vi è un concreto humus di responsabilità, è assolutamente irresponsabile aprire a loro carico dei procedimenti penali perché significherebbe inibire la funzione di interesse pubblico che è una delle risorse della società. Situazione che il Csm deve analizzare perché a farne le spese è tutto il Paese».



Lascia un commento