Può, un partito, presentare dossier contro un giornale?



LA REPRESSIONE DEI DISSIDENTI

Come sapete, i due bigotti dei siti satirici Butac.it e Bufale.net, dei quali al momento ci sfugge il nome, insieme ad un’assessore del Comune di Bologna, nota per l’idea geniale del ‘fotovoltaico nei campi nomadi’ della città, hanno presentato un ‘dossier’ contro questo sito. Con tanto di denuncia e conferenza stampa.

In realtà, lo hanno presentato contro una sorta di ‘grande vecchio’ che gestirebbe una serie di siti. Detto che ognuno può gestire i siti che vuole, e questo, in democrazia, non dovrebbe essere di competenza o interesse né di due perditempo né di un politico. E’ comunque per noi divertente, immaginare i personaggi in questione a passare il tempo raccogliendo informazioni immaginarie su personaggi e organizzazioni inesistenti. Ognuno ha i suoi passatempi.

Noi rispondiamo per quanto scritto a proposito di Vox. Una delle ‘accuse’ (davvero ci si vergogna a definirle tali) è, ad esempio, l’avere offeso una serie di prefetti, definendoli ‘agenzie viaggio per clandestini’. Un’altra, molto grave, avere scritto che tal prefetto Zappalorto “fa onore al suo nome”. Sono gravissimi reati.

Un’altra parte del ‘dossier’ (un copia-incolla di vari nostri articoli) si sofferma sulla pubblicazione di una mappa degli hotel creata da qualcuno sul web, e che Vox ha fatta propria: la mappa degli hotel che ospitano i sedicenti profughi. Con i nomi degli alberghi tratti dai giornali locali e dai bandi delle prefetture. E quindi? Perché non si dovrebbe informare i cittadini-turisti di chi possono trovare in un hotel? Insinuate voi,’razzisti’ di Bufale.net che, sapendolo, i turisti diserteranno quegli hotel? E pensate voi che, nel caso, invitare qualcuno a non andare in un hotel che ospita profughi sia un reato? Avete uno strano concetto di libertà.

Ci sono poi la solita serie di articoli che già avevano pubblicato e noi confutato.

Con un’esilarante novità: la chiesa colpita dal fulmine.

Secondo loro, non è vero che il fulmine ha abbattuto la chiesa perché Dio non sopporta i profughi.

Ma secondo voi, noi dobbiamo interloquire con personaggi di tal fatta intellettuale e con chi li legge? Gente che non distingue un tipo di articolo da un altro? Gente che non coglie l’ironia di un evento e l’articolo che lo riporta? Che Dio ci fulmini!

La più divertente delle ‘accuse’, è quella riguardante gli articoli nei quali diamo notizia degli attacchi (parola grossa) contro strutture che ospitano o sono pronte ad ospitare clandestini. Secondo loro, traspare soddisfazione: descriveteci la ‘soddisfazione’. Ridicolo. Tanto che, per dire, devono infine ridursi a citare la pubblicazione della notizia di un comunicato stampa di FN, che invita ad ‘attaccare’ gli hotel degli speculatori. E allora? E’ una notizia, e le notizie si danno. Non si nascondono.

In conclusione, solo menti dedite all’onanismo politico potevano partorire una boiata del genere. Una boiata che andrà ad ingolfare, ancora di più, un sistema giudiziario immobile.

Una boiata, però, di una inaudita gravità. Perché quando chi non condivide le tue idee, sostenuto da un partito politico di governo (il PD), ti denuncia perché tu non possa esprimerle, e chiede ad un magistrato di ‘indagarti’ e chiudere il tuo sito internet, siamo alla minaccia politica. Siamo all’omicidio intellettuale. Alla barbarie estremista. Siamo in Cina.

Una barbarie che però, Vox aveva messo in conto fin dall’inizio. L’obiettivo è reprimere la dissidenza. Renderla innocua attraverso il killeraggio mediatico prima e giudiziario poi. Questa dissidenza non si farà piegare.

Per i due bigotti e l’assessora fotovoltaica proviamo solo pena, perché solo chi si sente debole, si rivolge alla ‘maestra’. Chi ha la forza delle proprie idee, ha già vinto. Chi minaccia gli altri per le loro idee, ha già perso.

Ps. Vox ringrazia tutte la pagine Facebook che, non ostante siano state citate nel ‘dossier’, hanno confermato che continueranno a pubblicare le nostre notizie. Con più foga. Con più rabbia.

PPS. Questo sito è oggetto di gravi minacce da parte di estremisti islamici, peraltro spesso difesi dai due blog succitati, questo è il motivo della nostra ‘riservatezza’. Per fortuna i due bigotti sono incapaci nelle loro ‘indagini’, ma qualcuno più capace di loro potrebbe prendere spunto e poi fare qualcosa del quale sarebbero ritenuti responsabili i due bigotti. E la fotovoltaica.



3 pensieri su “Può, un partito, presentare dossier contro un giornale?”

Lascia un commento