Piccoli brigatisti informatici denunciano Vox

Brigate viola. Di invidia. Abbiamo letto piuttosto divertiti questo articolo:

Spesso ci chiedete “non si può fare qualcosa contro questi siti razzisti, omofobi o animalisti?”. Si, si può fare, tanto che oggi abbiamo denunciato uno di questi.

Posted by Bufale on Venerdì 2 ottobre 2015

Leggetelo anche voi. Ci siamo divertiti perché forse entusiasmati dalla vicinanza politica con il poco originale Saviano, i fuffari di cui sopra sembra parlino di noi, come di una organizzazione a livello della ‘Spectre’, il che, intendiamoci, ci rende orgogliosi. Quindi non diremo nulla, li lasceremo con le loro fantasie onanistiche.

Quanto alla denuncia per essere andati contro prefetti, politici, vescovi, albergatori che lucrano sui profughi e roba simile: quanto ne siamo orgogliosi!

Si chiama essere indipendenti. Cosa che Butac.it e Bufale.net non avranno mai l’eccitazione di scoprire.

E’ solo l’ultima di una lunga serie, dopo quella del governo, ora siamo ad un altro esponente del PD, tal Nadia Monti. Abbiamo perso il conto.

Se sentirete di Vox fare una conferenza stampa accanto ad un politico, sparateci alle spalle.

Una considerazione su questi piccoli brigatisti in erba, che non avendo il coraggio di sparare, sparano pallottole giudiziarie: proviamo tanta pena. Chi non ha la forza delle proprie idee, ricorre alla violenza fisica o di altro tipo.

Da studio psichiatrico di alto livello i commenti dei piddini al post citato. Noterete la violenza verbale. Il disprezzo per le altrui opinioni. Il desiderio di silenziare chiunque non la pensi come loro. E chiunque non sia patologicamente etnoleso come loro.

Noterete, come non abbiano denunciato siti a loro molto comodi (e probabilmente con loro in combutta), siti civetta che diffondono notizie inventate: quelli sono utili. No, denunciano chi diffonde notizie a loro non gradite. Cosa che continueremo a fare. Con quel pizzico di divertimento in più che viene dal sapere che ‘disturbi’.

Hanno provato a fare fuori Vox con le idee, e hanno perso. Ora, i loro mandanti sono allo scoperto. Quando disturbi, i politici ti denunciano; quando sei di supporto al sistema, ti chiamano per le conferenze stampa.

Noi continueremo a difendere la libertà di espressione. Nostra, degli altri, e anche quella dei fuffari di cui sopra. Perché mai ci abbasseremo a denunciare qualcuno per quello che scrive, contando su leggi liberticide come la Mancino. Sempre combatteremo le idee con altre idee.

Leggi anche: Immigrato presenta dossier (esilarante) contro Vox: lo manda il PD



Un pensiero su “Piccoli brigatisti informatici denunciano Vox”

Lascia un commento